Dieta Parkinson

Qual è la dieta migliore per la malattia di Parkinson?

La malattia di Parkinson è una condizione complessa, difficile da capire e spesso crea molti problemi nutrizionali. A seconda della dieta, ci può essere interazione tra proteine e levodopa, aumento o perdita di peso non previsti o problemi di deglutizione e masticazione, tra gli altri.

Tutti noi vorremmo sapere se un qualsiasi regime dietetico potrebbe rallentare la progressione della malattia. Tuttavia, non esiste un’unica dieta ideale per tutti i malati di Parkinson. Non solo perché ogni paziente ha un Parkinson diverso dagli altri, ma anche perché ogni persona su questo pianeta è diversa da tutte le altre!

Inoltre, qualsiasi “piano dietetico” tra i tanti che si possono reperire o vengono proposti, va preso con le dovute precauzioni: da chi è stato elaborato, ci sono prove e studi che ne dimostrino l’efficacia?

La dietista Kathrynne Holden*, ha selezionato alcuni piani di diete che hanno mostrato risultati interessanti.

Dieta Paleo

Ne esistono diversi protocolli, sviluppati in particolare per la sclerosi multipla, che si basano principalmente sulle proteine animali, grassi e verdure non amidacee, evitando cereali, latte e latticini, fagioli / legumi, oli vegetali e prodotti alimentari trasformati.
Secondo quanto riferito, i sintomi della malattia di Parkinson possono migliorare, il dolore diminuire e la progressione della malattia sembrerebbe rallentare. Ma la ricerca per confermare gli effetti sulla malattia di Parkinson è ancora carente.

Dieta priva di glutine

Ci sono alcuni individui con malattia di Parkinson il cui tratto gastrointestinale è influenzato dal glutine, una proteina presente nei cereali quali frumento, orzo e segale. Questo può essere dovuto alla celiachia, a sensibilità specifica al glutine o ad allergia. Alcuni hanno una “permeabilità intestinale” che può essere causata da una piccola proliferazione batterica intestinale, da celiachia o da una reazione autoimmune.
Per queste persone, evitare cereali contenenti glutine può contribuire a ridurre i sintomi della malattia di Parkinson. C’è un caso di studio di un signore con diagnosi di Parkinson cui è stata riscontrata una “celiachia silente”. Quando il glutine è stato rimosso dalla sua dieta, ha visto un quasi completo sollievo dai sintomi della malattia di Parkinson.

Dieta vegetariana

È interessante notare che da un piccolo studio è emerso che i sintomi della malattia di Parkinson sono migliorati eliminando carne rossa e integrando la dieta con la vitamina B riboflavina. Tuttavia, lo studio, di sole diciannove persone, era troppo piccolo per fornire prove conclusive. È probabile che alcune persone potranno beneficiare di una dieta vegetariana, forse grazie al contenuto prebiotico degli alimenti consumati o per le fibre, gli antiossidanti o altri nutrienti.

Dieta chetogenica

La dieta chetogenica è stata in uso per quasi un secolo per curare l’epilessia. È ad alto contenuto di grassi e basso di proteine e carboidrati, che vengono normalmente utilizzati come fonti di combustibile. Questo costringe il corpo a utilizzare i grassi per produrre corpi chetonici da utilizzare per il carburante.
Nella malattia di Parkinson, una funzione mitocondriale indebolita è supposta essere coinvolta nella morte dei neuroni che forniscono la dopamina. I ricercatori ipotizzano che i corpi chetonici possono proteggere i mitocondri e sostenere la loro funzione.
In un piccolo studio, cinque pazienti con malattia di Parkinson hanno usato la dieta chetogenica per quattro settimane. I loro punteggi UPDRS hanno migliorato, scendendo del 43%, il che è molto incoraggiante. Anche se gli autori dello studio non hanno potuto escludere un effetto placebo. Tuttavia, studi sulle cellule e su animali si sono dimostrati promettenti e i ricercatori continuano a studiare questa dieta per il Parkinson e per altri disturbi neurodegenerativi.

Dieta mediterranea

Il modo di mangiare mediterraneo si basa su una varietà di alimenti. Verdure fresche, alimenti non trasformati e frutta, pesce, piccole quantità di carne e pollame, fagioli di tutti i tipi e cereali integrali come il farro, orzo e ceppi tradizionali di grano.
Il pesce (in particolare pesci grassi, come le aringhe, sardine e salmone) hanno dimostrato di sostenere il cervello e il sistema nervoso. Verdure, frutta e cereali integrali contengono preziosi antiossidanti, vitamine, minerali, fibre e polifenoli (sostanze fitochimiche antiossidanti presenti negli alimenti vegetali).
Questa dieta non è stata studiata appositamente per il Parkinson. Tuttavia, il suo alto contenuto di polifenoli sembra proteggere contro depositi amiloidi, grumi anormali di proteine che causano malattie come Parkinson e Alzheimer. In studi sperimentali, il resveratrolo, un polifenolo presente nell’uva, nel vino rosso, in noci e frutta secca, ha dimostrato essere neuroprotettivo, anche se gli studi su esseri umani devono ancora essere condotti.

Ci sono anche molte altre diete e piani alimentari – crudista, fruttariano, vegano… per esempio – e il futuro ce ne farà sicuramente vedere ancora di più.

Quindi, come si fa a scegliere la dieta migliore per la malattia di Parkinson?

Tu sei il miglior giudice
Il medico ti vede solo per pochi minuti ogni pochi mesi. Un “guru della dieta” probabilmente non ti incontrerà mai. Tu, invece, vivi nel tuo corpo 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana. Nessuno ti conosce meglio di te stesso. Questo fa di te la persona migliore per scoprire e controllare la dieta ottimale per te.

Alcune idee pratiche
  • Mangiare cibi integrali possibilmente BIO, dato che c’è una forte associazione tra pesticidi e uso di erbicidi e di rischio per la malattia di Parkinson.
    Che si tratti di cibi di origine animale o vegetale, selezionare quelli che sono cresciuti nel modo più naturale possibile: carne e prodotti lattiero-caseari da mucche al pascolo; carne e uova di pollame allevato a terra; cereali integrali organicamente coltivati, verdure fresche e frutta.
    Questi nutrono e mantengono il corpo, il cervello, ossa e organi. Possono essere più costosi, ma considerate il costo della malattia, che è molto maggiore!
  • Evitare i cibi che sono stati preparati con ingredienti raffinati o altamente trasformati, come farina raffinata e zucchero, carne in scatola e minestre, piatti pronti surgelati per il consumo. Nel corso del tempo, questi tolgono salute al corpo, la forza e la capacità di pensare… e portano a cancro, diabete, problemi cardiaci, ictus e altre malattie.
  • Scegliere un piano che fa per te, e provare per un paio di mesi. Tieni un diario quotidiano e scrivi quello che hai mangiato, a che ora, come ti sei sentito dopo… se i sintomi del Parkinson sono cambiati e in che modo. Questo ti dirà se la scelta della dieta è un bene per te e per le tue esigenze individuali, come persona con Parkinson.
  • Se si soffre di gastroparesi – un problema digestivo che è uno dei sintomi non motori del Parkinson – è possibile che una dieta a basso contenuto di grassi aiuti i farmaci in modo che abbiano un effetto più rapido. Se si soffre di stitichezza, una dieta che include un sacco di alimenti prebiotici e fibra è l’ideale. Oppure, si potrebbe avere sia gastroparesi e costipazione e trovare che una dieta paleo migliora i sintomi del Parkinson e che si può adattare ai vostri medicinali.

*Kathrynne Holden, dietista, si è specializzata nelle problematiche nutrizionali della malattia di Parkinson da oltre 20 anni. Ha contribuito a manuali di due medici sulla malattia di Parkinson, scritto un libro in materia di nutrizione e diversi altri lavori per la NPF Fondazione Nazionale Parkinson (USA) archiviati QUI ed è autrice di pubblicazioni proprie. Ora in pensione, gestisce un SITO WEB, che tratta di argomenti sul Parkinson.

***

Leggi anche:

7 consigli contro la stanchezza del Parkinson