Problemi di sesso e sessualità nella malattia di Parkinson

Sessualità e Parkinson: cosa c’è da sapere

Sia che tu abbia il Parkinson o che curi qualcuno che ne è affetto, questo può influenzare la tua sessualità. Sia fisicamente che emotivamente.

COME PUÒ IL PARKINSON INFLUENZARE LA SESSUALITÀ?

Le persone con Parkinson possono sperimentare problemi con la sessualità.

Ciò può essere dovuto agli effetti fisici della condizione su cose come il coordinamento e la velocità del movimento. Ma anche emozioni come l’umore cattivo o la depressione.

Il Parkinson non influisce però sul funzionamento della sessualità di tutti. Se alcune coppie hanno problemi, un numero significativo non ne ha.

Sia gli uomini che le donne possono avere difficoltà nel sesso e la probabilità di incontrare problemi aumenta con l’età.

I problemi con la sessualità possono influenzare sia la persona con Parkinson che il partner. Scoprire che il partner è in una condizione che cambia la vita può modificare la visione del rapporto fisico.

Può essere meno o addirittura più importante di prima. In quanto senti che devi sfruttare al meglio il tuo tempo per paura di una minore capacità. O semplicemente per esprimere il tuo amore per l’altro.

Se hai il Parkinson, questo può influenzare la tua autostima sessuale. Potresti sentirti meno attraente o desiderabile.

Se sei un caregiver, puoi farti problemi a chiedere di fare sesso al tuo partner.Avere nuovi ruoli come “assistente” e “assistito” può talvolta rendere difficile sentirsi uguali come partner sessuali.

Questi fattori, così come l’impatto della condizione e dei farmaci sul corpo, possono influenzare la sessualità.

COSA FARE SUBITO?

I nostri rapporti sessuali cambiano durante la nostra vita e i problemi si verificano in ogni relazione in un momento o nell’altro. Si possono risolvere da soli, o una coppia deve:

  • Regolare ciò che fa insieme per tener conto delle mutate abilità fisiche.
  • Ridefinire le aspettative per adattarsi alla realtà. Alcune coppie potrebbero pensare che sia un problema non godersi il sesso regolarmente. Mentre altre possono essere perfettamente soddisfatte da una carezza sensuale una volta al mese.

Se in una relazione la sessualità è stata buona – ed entrambi si sono sempre sentiti a loro agio e fiduciosi a parlare dei loro desideri e limitazioni – potrebbe essere più facile affrontare le sfide che il Parkinson può portare.

Invece, potrebbe essere necessario lavorare di più per superare gli ostacoli se la sessualità è stata un argomento di imbarazzo in passato.

Ma vale la pena provare. Una maggiore apertura e creatività nella sessualità possono renderla migliore di prima!

QUALI PROBLEMI SESSUALI CAUSA IL PARKINSON?

Le difficoltà con il sesso possono spesso accadere quando qualcosa rovescia le tue reazioni sessuali. Le cause dei problemi sessuali includono problemi di movimento, stanchezza o depressione.

Queste difficoltà sono comuni nelle persone con e senza Parkinson. Quindi non è facile sapere se un problema che si verifica è il risultato di questa condizione o meno.

La capacità fisica di fare sesso è influenzata dal sistema nervoso. Quindi, è più comune per le persone con malattie neurologiche, come il Parkinson, avere problemi con la sessualità.

PROBLEMI DI MOVIMENTO

I sintomi fisici del Parkinson, come la rigidità e la lentezza del movimento, possono influenzare la sessualità.

Assicurarsi che i farmaci per il Parkinson funzionino efficacemente può contribuire a migliorare questi sintomi. Parlane con il tuo specialista: può anche essere in grado di dare consigli su posizioni sessuali che possono aiutare.

FATICA

La stanchezza può essere un sintomo di Parkinson.

Alcuni farmaci contro la fatica, come l’amantadina, hanno dimostrato di migliorare la sessualità.

Se la stanchezza è un problema, prova ad essere intimo o fare sesso in un altro momento della giornata. Quando sei più in forma.

PROBLEMI CON L’INTESTINO E LA VESCICA

La paura dell’incontinenza durante l’attività sessuale può avere un impatto negativo sull’autostima. Ma anche sulle relazioni personali!

Se incontri l’incontinenza urinaria, alcuni trattamenti farmacologici possono essere utili. Lo svuotamento della vescica prima del rapporto può aiutare. Per alcuni individui, può essere opportuno utilizzare un catetere per aiutare a svuotare la vescica.

Se si verifica l’incontinenza intestinale, può essere utile un clistere prima del rapporto sessuale. O l’utilizzo di altri sistemi per liberarsi.

FARMACI

Qualsiasi medicinale che stai prendendo deve essere riesaminato per eventuali effetti collaterali che può avere sulla funzione sessuale.

Alcuni farmaci per la depressione possono causare una riduzione del desiderio sessuale. Sia problemi di eccitazione, ma anche ritardo o mancanza di orgasmi.

Questi problemi portano molte persone a smettere di prendere il loro farmaco. È meglio però rivolgersi al proprio specialista per valutare le opzioni disponibili.

Non interrompere l’assunzione del farmaco di Parkinson a meno che non sia indicato dal tuo specialista. Perché può essere pericoloso!

IPERSESSUALITÀ

Alcune persone che prendono agonisti della dopamina sperimentano un comportamento impulsivo e compulsivo.

Per un piccolo numero di persone, altri tipi di farmaci di Parkinson, in particolare levodopa, hanno dimostrato di avere effetti collaterali simili.

L’ipersessualità è un tipo di comportamento impulsivo e compulsivo. Porta a concentrarsi sui sentimenti e sui pensieri sessuali. Se una persona sperimenta questo, i suoi impulsi sessuali diventano più intensi. Potrebbero essere sentiti in momenti inadeguati o verso persone diverse dal partner. Questo può essere preoccupante per la persona e per coloro che la circondano.

Con l’ipersessualità esiste anche un rischio che qualcuno si comporti in modo socialmente inaccettabile. O anche tale da infrangere la legge!

Questo tipo di comportamento può avere un grande impatto sulla persona interessata e sulle persone vicine. Può essere accompagnato da delusioni sessuali e allucinazioni. Come immaginare che il partner abbia una relazione o pensare che altri stanno facendo sesso quando non è così.

Mentre alcune coppie possono godere del sesso extra, per alcuni può diventare un problema difficile e disturbante. Soprattutto se i desideri sessuali vanno fuori controllo e sono differenti dai soliti.

Se pensi di aver subito questo cambiamento di comportamento, parlane subito con il tuo specialista di Parkinson.

A volte le persone che hanno un comportamento impulsivo e compulsivo non si rendono conto del problema. Hai notato che il sesso del tuo partner è aumentato o il suo comportamento sessuale è cambiato verso di te o chiunque altro? Discutine con un professionista sanitario il più rapidamente possibile.

Normalmente è possibile controllare il comportamento impulsivo e compulsivo e adottare misure per affrontare i cambiamenti nel comportamento. A volte un cambiamento nella cura farmacologica può alleviare o rimuovere il problema. Alcune persone potrebbero aver bisogno di un supporto più professionale, ad esempio da un terapeuta psicosessuale.

RALLENTAMENTO DELL’ATTIVITÀ SESSUALE

Molte persone con Parkinson e con i loro partner sperimentano la diradazione del sesso. Questo ha spesso più a che fare con l’impatto psicologico ed emotivo della diagnosi che non come un risultato diretto della condizione.

La stanchezza e la depressione, comuni a qualcuno con Parkinson, possono anche abbassare il desiderio. Il vostro medico di famiglia o lo specialista cercheranno di trattare qualsiasi disturbo dell’umore che si possa verificare.

Ci sono molte cose diverse da provare per entrare nell’umore e nell’intimità ottimale per fare sesso. Potete fare moltissime cose come coppia, ma iniziate con quanto segue:

  • Prendetevi il tempo per rilassarvi nel bagno.
  • Fatevi un massaggio sensuale a lume di candela.
  • Fate qualcosa di più energico o giocoso insieme per farvi sentire in vena.
  • Ricreate la scintilla utilizzando nuovi giocattoli o biancheria stimolanti
  • Guardate un film eccitante o leggetevi storie erotiche uno all’altro.

Ma qualunque cosa tu faccia, accetta innanzitutto che il tuo obiettivo è quello di avvicinarsi e di godere del tempo insieme. Il risultato può essere il sesso, ma anche no. Allenta la pressione investendo la tua energia nella creazione dell’ambiente giusto. Il risultato avverrà naturalmente.

PROBLEMI CON L’ECCITAZIONE SESSUALE

Sia gli uomini che le donne possono lottare con disfunzioni sessuali. Si può verificare questo come un effetto collaterale dei farmaci o della condizione stessa. Oppure, a causa di stanchezza, stress, depressione o bassa autostima.

Il modo più importante per superare questo è cercare di rilassarsi. Prima di cercare una cura, occorre cercare di escludere qualsiasi causa emotiva, come lo stress o le tensioni nel rapporto.

Cose che fanno bene sono:

  • Cambiamenti nella routine, come fare sesso al mattino quando hai più energia, invece della sera
  • Un aumento della stimolazione, come l’utilizzo di un vibratore
  • Prendersi un sacco di tempo per impostare la scena e ottenere l’umore giusto
PROBLEMI DI ORGASMO

Sia gli uomini che le donne possono avere orgasmi ridotti o assenti. Alcuni uomini possono avere problemi con l’eiaculazione precoce o ritardata, o non eiaculare affatto.

I trattamenti per problemi nell’orgasmo possono comprendere diverse terapie. Ad esempio, la terapia psicosessuale o la terapia comportamentale cognitiva. Ciò può aiutare gli individui o le coppie a trovare modi più utili per la comunicazione sessuale.

Se hai problemi a raggiungere l’orgasmo:

Cerca di non preoccuparti!

  • Come per tutti i problemi sessuali, la prima cosa da fare è cercare di ridurre al minimo l’ansia. Se ti preoccupi dell’orgasmo, è più probabile che si verifichi troppo rapidamente o non accada affatto.
  • Dedica più tempo all’eccitazione e alla stimolazione. Accetta l’idea che non importa se uno di voi non sperimenta l’orgasmo. Perché conta di più il tempo trascorso insieme.

Esercizi al pelvico

  • Per alcune donne, esercizi a livello pelvico possono contribuire ad aumentare la consapevolezza delle contrazioni del pavimento pelvico e migliorare il tono pelvico.
  • Questi esercizi possono essere complicati. Ma un fisioterapista, un’infermiera o un medico di famiglia potranno spiegare come farli correttamente.

Cercare aiuto

  • Se i problemi persistono, parlane con il tuo medico di famiglia o con lo specialista. Un cambiamento nella cura farmacologica può rimetterti in pista.

QUALI PROBLEMI SESSUALI POSSONO INFLUENZARE GLI UOMINI CON IL PARKINSON?

PROBLEMI DI PROSTATA

È importante ricordare che molti problemi sessuali possono essere comuni negli uomini di tutte le età. Indipendentemente dal fatto che abbiano o no il Parkinson.

Ci possono, ad esempio, essere altre cause come la ghiandola prostatica.

La prostata è una piccola ghiandola che si trova solo negli uomini. È della dimensione di una noce e circonda la prima parte del tubo (uretra) che porta l’urina dalla vescica al pene.

Mentre gli uomini invecchiano, la prostata attorno al collo della vescica diventa gradualmente più grande. Questo è normale negli uomini anziani, ma per alcuni, provoca problemi bloccando il deflusso dell’urina. Ciò rende difficile svuotare la vescica.

Può portare alcuni uomini a sperimentare la necessità di urinare più spesso. O una difficoltà di iniziare a urinare, una necessità di sforzo o un’urgente necessità di andare al gabinetto.

In alcuni uomini con una ghiandola prostatica ingrossata possono verificarsi problemi sessuali. Come la disfunzione erettile.

I farmaci possono aiutare a ridurre la dimensione della prostata, insieme a modificare il tuo stile di vita. La chirurgia può essere consigliata per sintomi moderati o gravi di ingrossamento della prostata. Se il farmaco non ha funzionato.

Ricorda che un effetto collaterale di questa chirurgia può includere disfunzioni sessuali! Quindi, è importante parlare con il proprio medico curante di tutti i possibili vantaggi e svantaggi della procedura.

Dovresti parlare con il tuo medico di famiglia se cominci ad avere sintomi. Lui può valutarti e mandarti da un urologo, se necessario.

DISFUNZIONE ERETTILE

La ricerca ha dimostrato che uno dei problemi sessuali che colpisce gli uomini è di non poter essere eccitato.

Quando un uomo sta lottando per essere eccitato, troverà difficile ottenere un’erezione. Questo è un problema comune anche negli uomini che non hanno il Parkinson. Soprattutto quando invecchiano o se presentano condizioni mediche come il diabete o l’alta pressione sanguigna.

Alcuni possono avere difficoltà ad ottenere un’erezione. Altri ottengono un’erezione ma poi la perdono troppo presto.

Se si verificano problemi erettili, rivolgersi al proprio medico di famiglia o specialista.

Ti chiederanno come e quanto rispondi a una stimolazione. O in situazioni specifiche, come al risveglio la mattina o quando sei con un partner. Questo perché i problemi erettili possono manifestarsi in diversi modi in tempi diversi.

Quando qualcuno ha una condizione neurologica, i problemi erettili non sono sempre correlati a problemi emozionali.

Ci sono una serie di opzioni che il tuo medico o specialista può esplorare con te. Questi includono:

Viagra / Cialis / Levitra
  • Il farmaco è un’opzione per il trattamento di problemi erettili. La ricerca ha dimostrato che il Viagra è sicuro per la maggior parte degli uomini con il Parkinson. Ma è meglio parlare con il medico di famiglia, o lo specialista, se avete qualche preoccupazione.
  • Adesso è disponibile una gamma di farmaci alternativi che funzionano in modi diversi, ma sono efficaci nella produzione di un’erezione.
Auto-iniezione
  • È disponibile un farmaco che può essere iniettato nel pene per produrre un’erezione. Un uomo può imparare la tecnica di auto-iniezione.
  • Questo trattamento ha bisogno di supervisione in un primo momento. Specialisti quali urologi e, occasionalmente, medici di base, forniscono questo trattamento.
Anello di gomma
  • È meno intrusivo di un’iniezione. Alcuni uomini scelgono un prodotto denominato “MUSE”, che è un anello di gomma che può essere inserito alla fine del pene. Parlate con il medico curante per scoprirne di più.
Pompa a vuoto
  • I dispositivi di congestione a vuoto sono un’opzione per gli uomini che non vogliono o non sono in grado di assumere farmaci.
  • Questi possono essere messi intorno al pene per produrre un’erezione. Questa opzione è spesso più efficace per gli uomini in rapporti stabili. Parlane con il tuo medico di famiglia, specialista, o farmacista prima di acquistare uno.
Chirurgia
  • La chirurgia per impiantare una protesi del pene può essere un’opzione per gli uomini con problemi erettili. Tuttavia, normalmente è l’ultima scelta.

QUALI PROBLEMI SESSUALI POSSONO INFLUENZARE LE DONNE CON PARKINSON?

Le donne hanno più probabilità di avere problemi con la lubrificazione vaginale, il desiderio o l’orgasmo.

Una donna può continuare a godere della sessualità, anche se il suo corpo non è completamente in vena. Però è importante non tentare la penetrazione, a meno che non sia eccitata, poiché può essere doloroso.

Non esistono tante opzioni di trattamento, basate su evidenze, per i problemi sessuali femminili. Le terapie riguardano il desiderio sessuale, problemi di eccitazione o di orgasmo e/o dolore sessuale.

Alcune donne sentono dolore durante il sesso. Potresti anche provare meno sensazioni o una mancanza di eccitazione sessuale o mancanza di lubrificazione quando fai sesso. Il tuo medico curante o uno specialista può consigliare gel anestetici, lubrificanti vaginali o metodi diversi per ridurre qualsiasi dolore.

È importante ricordare che molti problemi sessuali possono essere comuni nelle donne di tutte le età. Indipendentemente dal fatto che abbiano o no il Parkinson.

Eventuali problemi che si possono avere non sono necessariamente a causa della tua condizione. Ci possono essere altre cause, come:

MENOPAUSA

La menopausa può influenzare la lubrificazione vaginale e le sensazioni sessuali. Se si verificano questi sintomi e siete in di età menopausa, è necessario parlare con il medico curante.

PROLASSO DEL PAVIMENTO PELVICO

Nelle donne può verificarsi un prolasso di organi pelvici come la vescica o l’utero. Ciò avviene quando gli organi scendono dalla loro posizione naturale. Quasi sempre in relazione all’invecchiamento o a parti precedenti.

La mancanza di tono nei muscoli del pavimento pelvico può aumentare questo rischio. Prolasso dell’organo pelvico e incontinenza urinaria hanno effetti negativi sulla sessualità.

Il prolasso del pavimento pelvico può essere corretto utilizzando un pessario anulare. Anche un intervento chirurgico può migliorare la funzione sessuale. Parla con il tuo professionista sanitario di quali opzioni sono a disposizione.

COME POSSO MIGLIORARE LA MIA SESSUALITÀ?

CAPISCI COSA TI PIACE
  • La masturbazione può aiutarti a capire cosa si trova piacevole.
  • Datti abbastanza tempo per esplorare ciò che è piacevole senza essere disturbato. Sentire di vergognarti o in imbarazzo per quello che stai facendo non ti aiuterà ad ottenere l’orgasmo. Quindi prova a rilassarti e concentrati sulle sensazioni che sperimenti.
CONOSCERSI
  • Prendi tempo per conoscere veramente il corpo dell’altro. Chiedi al tuo partner che tipo di stimolazione gli piace. Cerca di ottimizzare la tecnica in modo da dare sempre la migliore esperienza.
  • Quando il sesso viene avvicinato in modo più rilassato ed esplorativo, l’orgasmo può seguire più naturalmente.
AIUTI SESSUALI
  • Gli aiuti sessuali, compresi vibratori e dispositivi a vuoto, possono essere utili per aiutare stimolazione e orgasmo.
    L’Associazione FPA per la pianificazione familiare dispone di un negozio online. FPA Pleasure (http://www.fpa.org.uk/fpa-pleasure) offre una selezione di prodotti e una guida utile per le persone con mobilità ridotta e manualità limitata. Più si fa per essere sensuali insieme, più le probabilità di eccitazione si verificano naturalmente.
PARLA CON I PROFESSIONISTI DEL SETTORE SANITARIO
  • Potresti sentirti a disagio a parlare con un professionista sanitario riguardo ai problemi che hai. Ma ricorda che lui ha parlato con altri che hanno problemi analoghi ai tuoi.
  • Dovrà tener conto delle tue particolari esigenze quando parla con te! Compreso il tuo atteggiamento verso il sesso e l’influenza culturale. Ricorda che la professione medica è regolata da leggi rigorose sulla privacy. Quindi, qualsiasi cosa che condividi con un professionista sanitario rimarrà totalmente riservato.
  • Anche se non sei il solo a vivere problemi con il sesso, potresti essere colpito più degli altri da aspetti particolari. Se è difficile parlare, prova a scrivere le domande e darle alla persona che stai incontrando.
  • Potresti volere partecipare agli appuntamenti con il tuo partner se ne hai uno, in modo da poter discutere insieme i problemi.
SUPPORTO PER IL TUO PARTNER
  • Idealmente, dovresti parlare con il tuo partner. Questo a volte può essere difficile, ma è essenziale anche per il tuo partner ottenere il supporto di cui ha bisogno.
  • Medi e professionisti possono, eventualmente, incontrare i due partner separatamente, se questi non si sentono di discutere insieme dei loro problemi.
CONSULENZA DI RELAZIONI
  • Se hai provato a parlare col tuo partner dei vostri problemi di relazione e ti sembra che non stai arrivando da nessuna parte, la consulenza di coppia può aiutare. Un consulente esperto delle coppie può aiutarti a esaminare i tuoi problemi in modo diverso e migliorare la tua comunicazione. Questo può aiutarti a superare tutte le questioni che stai affrontando.
  • I consulenti possono anche lavorare individualmente. In modo da poter andare da solo se sei single o se il tuo partner non vuole partecipare. Alcune persone preferiscono parlare dei loro sentimenti per conto proprio e trovano questo molto utile.
  • Se pensi che la consulenza possa aiutare, chiedi al tuo medico di famiglia se ci sono servizi disponibili nella tua zona. Oppure, contatta un’associazione di pazienti locale.

Liberamente tradotto da “Sex and Parkinson’s” (Parkinson’s UK)

La disfagia è causa di morte indiretta nel Parkinson

Parkinson: tutti i trucchi contro le cadute